Itinerari Tematici

La cosa straordinaria della mostra su Paolo Veronese che si svolgerà a Verona, città natale dell’artista, sarà la possibilità di continuare la visita dell’esposizione anche fuori dalle sale del palazzo della Gran Guardia. Come già per la grande mostra su Andrea Mantegna nel 2006, anche la mostra su Paolo Caliari si estenderà a molti luoghi della città: chiese, musei e interi quartieri.
Le guide turistiche di Verona hanno infatti approntato una serie di itinerari tematici cittadini che possono diventare ideale completamento della visita alla mostra per una giornata di arte, cultura, tradizioni. Non esitate a contattarci per maggiori informazioni e dettagli.

La Verona del Rinascimento

Paolo Veronese è certamente uno degli interpreti più importanti del Rinascimento italiano, le sue opere hanno oggi un posto di grande rilievo nei musei di tutto il mondo ma non va dimenticato come la sua formazione sia avvenuta principalmente nella sua città natale. La Verona in cui nasce Paolo Caliari è ormai da più di un secolo parte dei territori conquistati e amministrati da Venezia che oltre a essere principale centro politico ed economica di un vasto impero, ne è anche la capitale culturale. Verona, pur essendo relegata a città di provincia, per le sue peculiarità storico-politiche è riuscita a mantenere una certa vitalità e originalità artistica sia a livello architettonico che pittorico e il nuovo stile rinascimentale si diffonde prima a Verona che nella Serenissima dove anzi viene visto con sospetto, qualcosa di legato al potere papale da cui Venezia vuole mantenere un certo distacco. Non è un caso che proprio a Verona venga collocata una delle opere più influenti di Andrea Mantegna, la Pala di San Zeno, o che a Verona venga realizzato il primo edificio rinascimentale del Veneto, la Loggia del Consiglio di piazza dei Signori. Grazie alle sue abbondanti antichità romane, Verona è fonte di ispirazione per pittori e architetti. Michele Sanmicheli, originario proprio dello stesso quartiere in cui nasce Paolo Caliari, o Andrea Palladio, che a Verona viene a studiare i resti del teatro romano per realizzare il proprio Teatro Olimpico.
E’ in questa Verona che Paolo Caliari entra a bottega da Antonio Badile, buon pittore di provincia del quale tra l’altro sposerà la figlia, apprendendo le tecniche del mestiere ma subito mostrando una particolare originalità che lo differenzia dalla scuola veneta, tutta incentrata sul colore, con influssi manieristi che derivano dalla vicina Mantova dove opera Giulio Romano.
Le tracce di questa città rinascimentale sono ancora ben visibili e possono essere ammirati in un itinerario guidato assieme alle guide turistiche di Verona. Si potranno così ammirare gli eleganti palazzi di Michele Sanmicheli (Palazzo Bevilacqua, Palazzo Canossa, Palazzo Guastaverza) oltre ai monumentali resti romani che ne influenzarono forme e decorazioni (Arco dei Gavi, Porta Borsari, Porta Leoni oltre ovviamente all’Arena), le case affrescate con i colori sgargianti (Case Mazzanti) che fecero soprannominare Verona Urbs Picta (città dipinta) e molto altro ancora.

L’Isolo

Paolo Caliari nasce in contrada San Paolo, in una zone di Verona che, pur non rientrando nel nucleo originario della città romana, da tempi remoti ha sempre rappresentato il cuore delle attività artigianali e protoindustriali della città. Le botteghe e i laboratori potevano infatti sversare rifiuti e materiali di risulta nel corso dell’Adige in quanto essendo il quartiere a valle del fiume, i liquami non avrebbero attreversato la città. Poco dopo aver completato la curva della caratteristica ansal, l’Adige si biforcava, dando vita a un’isola fluviale dalla caratteristica forma a fuso. I molti piccoli rivi che caratterizzavano il cosiddetto “Isolo”, venivano quindi sfruttati per il trasporto delle merci o per l’approvvigionamento idrico necessario alla varie attività. Il corso principale del fiume era inoltre caratterizzato da un gran numero di mulini flottanti che macinavano principalmente minerali da cui si ricavavano pigmenti. Dopo la grande piena del 1882 si decise l’irregimentamento dell’Adige con la costruzione degli argini e il canale dell’Acqua Morta che dava vita all’Isolo venne interrato cambiando per sempre l’aspetto di questa parte della città che tuttavia ancora oggi mantiene parte del suo antico fascino. Proprio a ricordo della presenza di Paolo Veronese, proprio all’inizio di quello che una volta era l’Isolo, a fine Ottocento venne collocata una statua del più illustre pittore cittadino. All’interno di San Paolo in Campo Marzio tuttora è nella sua posizione la Pala Marogna, l’unica tra le poche opere di Paolo Caliari per le chiese cittadine ancora nella sua collocazione originaria.
Assieme alle guide turistiche di Verona è possibile scoprire San Paolo e l’Isolo, solitamente fuori dai circuiti turistici ma non per questo zone prive di storia e fascino.

VISITA GUIDATA VERONA SOTTERRANEA

Esclusiva visita ai più affascinanti siti archeologici sotterranei di Verona.

26 aprile 2019 / h 14.00
25 € a persona / 15 posti
Durata 2h30′

PRENOTA

CALENDARIO VISITE GUIDATE

settembre 2019
lunedìmartedìmercoledìgiovedìvenerdìsabatodomenica