Verona Romana

L'Arena di Verona, il più significativo edificio della Verona Romana.

L’Arena di Verona, il più significativo edificio della Verona Romana.

Quello nella Verona romana è forse l’itinerario guidato più classico tra quelli possibili all’interno del centro storico di Verona.
Verona, per abbondanza di reperti di epoca romana viene spesso definita una piccola Roma. Un anfiteatro, un teatro, un arco trionfale, i resti di due porte e della cinta muraria, un ponte e poi innumerevoli resti di domus, mosaici, strade, vasche termali, statue, iscrizioni, resti di templi ed edifici pubblici, sono innumerevoli le testimonianze della città romana ancora oggi visibili e visitabili in un itinerario guidato strutturato alla scoperta della Verona romana.

Verona, il cui nome risale in realtà all’epoca pre-latina e si riferiva all’insediamento paleoveneto sul colle San Pietro a ridosso del fiume Adige, nacque come città vera e propria a partire dal I secolo a.C. come avamposto militare nei territori conquistati dai romani nella loro espansiaone nella penisola italica. All’interno dell’ansa del fiume Adige che ancora oggi rappresenta la parte più antica del centro storico della città, sorse inizialmente un accampamento militare per il controllo dei traffici sulla via Postumia, l’importante via di comunicazinoe che collegava il nord-est con il nord-ovest della penisola italica. La posizione strategica di Verona al centro della via Postumia, negli anni garantì alla città un prospero fiorire di scambi commerciali. La città si andò quindi abbellendo di palazzi pubblici e templi decorati, domus di ricche famiglie patrizie, infrastrutture ed edifici adibiti al divertimento e al tempo libero.
A distanza di più di duemila anni, le vestigia di molti di quegli edifici sono ancora visibili nel loro vetusto splendore. La stessa struttura del centro storico, fatta di vie parallele e perpendicolari, rispecchia l’impostazione a reticolo con cardi e decumani della città romana con al centro il foro, oggi piazza delle Erbe.
Verona, per abbondanza di resti e reperti, può essere considerata una “Roma in miniatura”. Numerosi sono gli itinerari e i percorsi guidati che permettono di scoprirne le suggestive bellezze.

Itinerari nella Verona Romana

1. Itinerario Generale

E’ l’itinerario ideale per scoprire le vestigia romane di Verona. Ideale sia per turisti individuali che per gruppi organizzati che giungono a Verona per una visita a una delle numerose mostre ed esposizioni. Per le comitive che vengono a Verona con un proprio mezzo di trasporto è possibile far precedere alla passeggiata guidata un breve giro in pullman. Sarà così possibile percorrere un tratto di via Postumia (il selciato originale romano, pur ancora ben conservato, non è visibile, trovandosi a circa 2 metri sotto terra), ammirando l’Arco dei Gavi (I secolo d.C.), monumento celebrativo di un’importante famiglia patrizia veronese e porta Borsari, l’ingresso della città in epoca romana assieme a ciò che rimane della città muraria inglobata in edifici posteriori. Con il pullman si prosegue quindi lungo l’Adige e poi su fino in collina, da dove si può apprezzare come il nucleo originario della città sia stato strategicamente collocato all’interno dell’ansa del fiume. Ritornati in centro, dal pullman si potrà ammirare il ponte Pietra (I secolo a.C.), costruzione più antica di Verona e il Teatro Romano. Il tour guidato a piedi comprenderà piazza Erbe, l’antico foro cittadino, i resti di domus romane in cortile Mercato Vecchio per concludersi con l’Arena, l’anfiteatro dove si svolgevano le lotte tra galdiatori.

2. Verona Sotterranea

I resti di una domus romana nei sotterranei di un edificio del centro di Verona. Si notano i mosaici di una stanza, il peristilio con l'impluvium.

I resti di una domus romana nei sotterranei di un edificio del centro di Verona. Si notano i mosaici di una stanza, il peristilio con l’impluvium.

Molti dei reperti romani di Verona si trovano in realtà sotto l’attuale livello stradale. Nei secoli, terremoti, inondazioni, guerre, devastazioni, incendi, e la continua azione edificatrice dell’uomo hanno portato a un progressivo innalzamento del piando stradale che ha ricoperto i resti di domus, templi, strade e ogni edificio della vecchia Verona romana. Nel corso degli anni i resti di molti di questi monumenti sono stati rinvenuti nel corso di ritrovamenti casuali o campagne sistematiche di scavo. Alcuni di questi sono stati riportati alla luce e sono fruibili come ad esempio il Teatro Romano. Altri, dopo essere stati rinvenuti, sono stati spostati e oggi sono visibili all’interno di alcuni musei cittadini come il Museo Archeologico, Il Museo Lapidario Maffeiano o il Museo Cavalcaselle dell’affresco. Altri ancora invece sono stati mantenuti nel sito dove si trovavano e, con soluzioni architettoniche originali, resi accessibili alcuni metri sotto terra. Ad esempio è così che sono nati così gli Scavi Scaligeri, oggi sede del Centro Internazionale di FotografiaSotto il palazzo di una banca del centro sono accessibili i resti di una domus romana di cui è possibile scorgere perfettamente gli elementi costitutivi: peristilio, impluvium e stanze decorate a mosaico. Un’altra domus assieme ai resti della mura di Gallieno (265 d.C.) e di quelle di Teodorico (V secoo) sono visibili nelle cantine di un convento. Sotto due ristoranti del centro sono visitabili i resti del Capitolium, il principale tempio cittadino, e di alcuni edifici pubblici tra cui probabilmente la curia. Sotto il chiostro del Museo Canonicale nel complesso del Duomo, si possono invece vedere gli splendidi mosaici delle basiliche paleocristiane di Verona (III secolo).
In un itinerario guidato personalizzato di mezza giornata o di una giornata intera è possibile inserire alcuni di questi siti archologici.

3. Musei e Monumenti

La galleria delle sculture al Museo Archeologico del Teatro Romano a Verona.

La galleria delle sculture al Museo Archeologico del Teatro Romano a Verona.

A completamento di un itinerario guidato tradizionale o come tour a se’ stante, può essere inserita una visita di approfondimento delle tematiche relative alla Verona romana, con l’accesso a uno dei musei cittadini come il Museo Archeologico del Teatro Romano o il Museo Lapidario Maffeiano. Essi permetteranno di concentrarsi su determinati aspetti della vita pubblica e quotidiana nella Verona tra il I secolo a.C. e I secolo d.C, il periodo di massimo splendore della città: le iscrizioni lapidarie, la scrittura in epoca antica, la scultura, l’arte musiva, le suppellettili, ecc.

4. Itinerari Didattici

Verona Romana è un tema che si presta egregiamente ad essere trattato come itinerario didattico per scolaresche in gita a Verona. L’itinerario strutturabile con livelli progressivi di complessità, è adatto alle scolaresche di ogni ordine e grado ma particolarmente ideale per il quinto anno delle primarie e il primo anno delle scuole medie coincidendo con il programma di storia trattato. Gli alunni avranno la possibilità di vedere dal vivo tutto ciò che hanno appreso in classe e sui libri di testo apprendendo lo stile di vita in epoca romana visitando i vari monumenti nel loro contesto storico. Le nostre guide turistiche di Verona organizzano inoltre una serie di laboratori didattici a integrazione e completamento della visita guidata: la “Verona di Catullo“, con animazione teatrale, “L’Arena e i gladiatori“, “Il mosaico“, “la Scrittura dei Romani“, ecc.

Visite Guidate

Per maggiori informazioni e dettagli sulle visite guidate alla scoperta della Verona Romana o per prenotare il vostro tour non esitate a contattre le guide turistiche di Verona.